Pic 36

PIC 36

  • PIC36 Analogical camera with film app MakeItApp
  • PIC36 Analogical camera with film app MakeItApp
  • PIC36 Analogical camera with film app MakeItApp

With PIC36 taking pictures goes back to being as exciting and private as it used to be! You only have a few shots per roll and in order to look at the pictures you have taken you have to get back home and have them “developed”!

5/5 “Nice, very nice! Good job!”

 

Description

 

PIC36 makes each of your photos unique! PIC36 transforms your smartphone into a vintage analog photo camera with films: like it happened with old films, you will be able to live again the emotion of capturing special pictures and look at them later, when that moment will have become a precious memory to hold on to. Without the hurry of modifying, effecting, post-producing your snaps, you will simply be able to totally taste that special moment of yours.

PIC36 thus also becomes a way to hid your secret photos and see them only after you have developed your film, when and where you will decide, to lock or keep private your snaps. Basically the analog and romantic version of snapchat!

 

How it works

 

– In order to start taking pictures you need to insert a “film roll”.

– To look at the photos taken, the app will make you geolocalize the place where ideally you would have your photos developed.

– The privacy of your pictures is ensured. The film rolls with your photos will in fact be locked until you will get back to the place you chose to have them developed.

 

Why PIC36?

 

– To capture a special moment and recollect it later taking time and calm, as a gift.

– To hide your personal and private shots and share them only with who you want.

– To recollect that emotion of yore of look at the pictures for the first time after a while in a place and time that you decide.

– To keep your most personal memories in a secret place.

– To avoid having to share, publish, modify, comment, delete everything immediately.

– To give value to your unique and personal special moments.

 

Do you have any problem or suggestion? We would love to hear them!
Don’t write them in the reviews because we can’t answer you. Contact us directly at: pic36@makeitapp.eu

  • PIC36 Macchina analogica a rullino MakeItApp
  • PIC36 Macchina analogica a rullino MakeItApp
  • PIC36 Macchina analogica a rullino MakeItApp
  • PIC36 Macchina analogica a rullino MakeItApp
  • PIC36 Macchina analogica a rullino MakeItApp

Con Pic36 scattare fotografie torna ad essere emozionante e privato come una volta!

5/5 “Fantastica! E’un ritorno al passato con la tecnologia del futuro. Da scaricare ed usare con la delicatezza dell’intenditore. Buon divertimento a tutti…”

5/5 “Idea Fantastica! Applicazione consigliatissima. Fa esattamente quello che dice e mi sta facendo riassaporare i tempi della mia gioventù !! Bravi.”

 

Descrizione

 

PIC36 rende speciale ogni tua fotografia! PIC36 trasforma il tuo smartphone in una macchina fotografica analogica a rullino: proprio come accadeva con i vecchi film e pellicole, potrai rivivere l’emozione di catturare immagini speciali e riassaporarle con calma dopo qualche tempo, quando quel momento sarà diventato un ricordo da tenersi stretto. Senza la fretta di rielaborare, modificare, condividere gli scatti, potrai semplicemente gustare in pieno quel tuo momento speciale.

PIC36 diventa quindi anche un modo per nascondere le tue foto segrete e vederle solo dopo aver sviluppato il rullino, quando e dove deciderai tu, per bloccare e mantenere privati i tuoi scatti: insomma, una versione analogica e romantica di snapchat!

 

Funzionamento

 

– Per iniziare a scattare fotografie bisogna inserire un “rullino”.

– Per poter rivedere le foto scattate, l’applicazione ti farà geolocalizzare il luogo in cui idealmente faresti sviluppare le tue foto private.

– La privacy delle tue foto è assicurata. I rullini con le tue foto saranno infatti bloccati finché non tornerai nel luogo scelto da te per svilupparle.

 

Perché Pic36?

 

– Per cogliere un momento speciale e riviverlo solo in seguito con calma, come un regalo.

– Per nascondere i tuoi scatti personali e privati e viverli e condividerli solo con chi vuoi tu.

– Per far rifiorire quella vecchia emozione di vedere le foto per la prima volta in un luogo solo tuo e che solo tu conosci.

– Per preservare in un luogo segreto i tuoi ricordi più personali.

– Per non dover per forza condividere, modificare, commentare, cancellare tutto subito.

– Per ridare valore ai tuoi singoli momenti speciali e personali.

 

Hai qualche segnalazione o suggerimento? Ci piacerebbe molto sentirlo!
Non scriverlo nelle recensioni perché non possiamo risponderti, puoi raggiungerci facilmente a: pic36@makeitapp.eu

Awesome update for PIC36!

Published:
PIC36 Macchina analogica a rullino MakeItApp

PIC36 gets better and better. A completely new graphic was designed for the app, thanks to the involvement of a new member in the PIC36 team: Beniamino Della Torre, designer who supported developer Riccardo Foches and content expert Giovanni Guidetti.

This is the one of the great thing of the MakeItApp machine: users get to meet other talents who, sharing their ideas, bring value added to the apps. Look at the new graphic of PIC36: isn’t it awesome? Good job, team!

PIC36 gets better and better. A completely new graphic was designed for the app, thanks to the involvement of a new member in the PIC36 team: Beniamino Della Torre, designer who supported developer […]

Read more Read less

Pic36 is now available in English!

Published:
PIC36 Macchina analogica a rullino MakeItApp

Just one month after the release here we go with the first update of this great App: Pic36 is now also for our English fellows!

Giovanni and Riccardo understood the importance of updates and they are already working on the next one: Beniamino joined their team to help them preparing a brand new graphic layout for next month, stay tuned!

Keep renovating your App, keep people attention alive!

Just one month after the release here we go with the first update of this great App: Pic36 is now also for our English fellows!

[…]

Read more Read less

Ogni App ha la sua storia! Oggi vi raccontiamo la storia di Pic36, la "dieta" fotografica di Giovanni Guidetti.

Published:
PIC36 Macchina analogica a rullino MakeItApp

Continua la nostra rubrica con le storie degli ideatori delle app nate su MakeItApp! Dopo avervi raccontato quella di Francesca Venir, creatrice di myPlants, eccovi l’emozionante storia di Giovanni Guidetti, inventore di Pic36.

Prima di cominciare, eccovi un breve video su questa originale app: voice.adobe.com/v/9KWnu9r95Un

Giovanni è avvocato civilista da ormai più di vent’anni (diritto civile/commerciale, soprattutto legato alle nuove tecnologie informatiche). Ma quando gli abbiamo chiesto di parlarci un po’ di lui ha iniziato un bellissimo viaggio indietro nel tempo, raccontandoci i ricordi della sua infanzia, dove ebbero inizio i suoi desideri più creativi.

“Ho avuto la fortuna di vivere un’infanzia un poco speciale, essendo stato nutrito (oltre che a gnocco fritto, parmigiano reggiano e tortelli) a bulloni e chiavi inglesi nella casa familiare ai piedi delle colline reggiane. La casa era un perenne laboratorio sempre aperto ad amici e parenti e capitanato dall’eclettico papà (noto nei dintorni come Archimede Pitagorico), con il quale abbiamo costruito di tutto durante le sere invernali degli anni ’70: mulini a vento in giardino, due hovercraft, repliche di due F1 con motore a scoppio, una cinquecento tagliata a metà, go-kart e tanto altro ancora.”

Innamorato della professione forense, sì, ma moltissimo anche del suo passato e delle belle sensazioni di un tempo. Ed è proprio questo ciò che Giovanni ha voluto esprimere con la sua app, Pic36: l’emozione dell’attesa e della “lentezza”, e l’importanza dei ricordi.

“Adoro la velocità e la praticità del mondo digitale, non posso negarlo. Ma alle volte ho sentito la necessità di collegare ad esse una parte più concreta e meno virtuale del quotidiano. Così un giorno mentre cercavo a fatica una foto nella mia gallery del telefono mi sono accorto del quantitativo di foto una uguale all’altra che erano presenti. Cancellarne qualcuna? E se proprio quella lì era la mia favorita? O peggio, la favorita di mia moglie? Meglio tenerle!
Ho anche pensato che subito dopo aver fatto una foto, se non tu, qualcun altro la vuole vedere, elaborare, cancellare. Una volta, invece, all’epoca dei rullini analogici fare una foto era eccezionale e comportava una certa “fatica” e soprattutto portava emozione.
Da questo pensiero è nato il concept di PIC36. Una sorta di dieta fotografica. Il modo “slow” di fare fotografie con il telefono. Senza ovviamente sostituire l’odierna fotografia digitale.
Una provocazione? Forse, ma a me piace pensarlo più come un pacato consiglio, un’alternativa ogni tanto.”

Come è entrata e quanto è stata utile MakeItApp nella realizzazione di questa sua idea? Giovanni ce lo spiega così:

“L’idea di creare un’app penso sia la logica conseguenza del fatto che ormai si tratta di un qualche cosa che fa parte del nostro vivere quotidiano. Ognuno di noi, chi più chi meno, almeno un’app al giorno la utilizza, non fosse altro per inviare un messaggio, vedere il meteo, controllare l’agenda… Non penso di essere né il primo né l’ultimo ad aver pensato: “Se ci fosse un’applicazione per questa cosa qui o quella cosa là, sarebbe utilissimo!”.
Nonostante la mia passione per l’informatica, il mondo della programmazione di app mi era del tutto sconosciuto. Io non so scrivere neanche una mezza riga di codice. La nascita di MakeItApp mi ha dato l’opportunità di concretizzare una delle tante idee che mi frullavano in testa da un po’. Francamente non avrei mai pensato di avere una mia app sullo store! Se non ci fosse stata MakeItApp, e Riccardo Foches (un talent programmatore di MakeItApp che ha avuto un grande e determinante impatto sulla realizzazione) il tutto sarebbe rimasto solo un sogno…”

Continua la nostra rubrica con le storie degli ideatori delle app nate su MakeItApp! Dopo avervi raccontato quella di Francesca Venir, creatrice di myPlants, eccovi l’emozionante storia […]

Read more Read less
  • Beniamino Della Torre
  • Gio Gui
  • Riccardo Foches